Astea notizie
Marchio-Rebel-Sound-Italy

Offagna, bilancio approvato ma slitta la sentenza in Appello per la causa Guzzini

OFFAGNA – Una notizia bella e una meno per il Comune di Offagna. Se da qualche giorno è stato reso nota da parte della commissione ministeriale il sì al bilancio presentato dal piccolo comune marchigiano, dall’altra è notizia di qualche giorno fa lo slittamento dell’udienza in corte d’Appello della causa che il Comune ha con la famiglia Guzzini. L’udienza avrebbe dovuto svolgersi in questi giorni , ma, fanno sapere fonti ufficiali, per motivi squisitamente tecnici è stato necessario provvedere a
un rinvio. La data fissata è quella del 30 maggio 2018, con un conseguente slittamento della sentenza. Se infatti con l’udienza di questi giorni informazioni più certe si potevano avere per marzo o aprile, adesso la sentenza è prevista per la fine del prossimo anno. Cosa cambia? Voci si corridoio parlano di un ulteriore stato di fiato sospeso e affanno per Capitani e i suoi collaboratori, in realtà il primo cittadino parla di mutamenti pochi o nulli sul piano della gestione amministrativa.
Ma andiamo per ordine, Capitani non nasconde la propria soddisfazione per i bilanci approvati “ adesso – dice – possiamo procedere alla amministrazione ordinaria e straordinaria, sia pur rimanendo nelle mani del commissario liquidatore tutta la faccenda relativa alla causa Guzzini. Noi però continuiamo a governare sia pure nelle prescrizioni fornite dalla commissione ministeriale”. Sono dunque ancora previste restrizioni per il Comune e soprattutto nel settore dei servizi, quelli che più drasticamente subiranno la ricaduta.
Sul piano della causa con la famiglia Guzzini invece il Comune continua a tenere la linea dell’impegno al risarcimento di 900 mila euro circa, dei quali una parte potrà essere rateizzata in 20 anni direttamente facendo ricorso al Ministero e una parte sarà la stessa amministrazione a doverli trovare.
Dunque nessuna preoccupazione per lo slittamento della sentenza di parecchi mesi? Capitani conferma di no e conferma anche la volontà di continuare con la trattativa. Da qualche parte però si insinua la possibilità che lo slittamento possa di fatto ingessare per ancora molto tempo il governo di Offagna, tenendo col fiato sospeso gli amministratori e impedendo di procedere verso la normalizzazione del Comune.