Astea notizie
i-benefici-del-sale-Logo
Marchio-Rebel-Sound-Italy

Bancomat, farmacie e tabaccai chiusi nel fine settimana a Sirolo e Numana. E il turismo?

I principali servizi diretti a residenti e visitatori hanno tenuto le saracinesche abbassate nel primo week end lungo, un brutto biglietto da visita per i forestieri

RIVIERA DEL CONERO – Alcuni dei più importanti servizi anche a utilizzo turistico chiusi in questi primo week end della stagione a Numana e Sirolo. I commenti e lo sdegno dei residenti, che pensano a se stessi ma anche al turista, si rincorrono nei post dei social, sottolineando uno status quo assolutamente impresentabile per i paesi rivieraschi. A partire da Sirolo, dove il bancomat non funziona, chi volesse prelevare, forestiero incluso ma con maggiori difficoltà visto che non conosce la zona, deve armarsi di buona volontà e pazienza per trovare sportelli fruibili. 

Alcuni dei più importanti servizi anche a utilizzo turistico chiusi in questi primo week end della stagione a Numana e Sirolo. I commenti e lo sdegno dei residenti, che pensano a se stessi ma anche al turista, si rincorrono nei post dei social, sottolineando uno status quo assolutamente impresentabile per i paesi rivieraschi. A partire da Sirolo, dove il bancomat non funziona, chi volesse prelevare, forestiero incluso ma con maggiori difficoltà visto che non conosce la zona, deve armarsi di buona volontà e pazienza per trovare sportelli fruibili. Non basta. A Numana la mattina del 2 giugno, splendida giornata di sole che ha attirato già i primi visitatori, la tabaccheria in centro chiusa e le farmacie anche, tanto da rimandare ad altre strutture collinari o nei paesi vicini. Sembra che la più vicina farmacia aperta fosse quella dell’Aspio. I commenti, come dicevamo, non risparmiano ironia con frasi del tipo “e li chiamano paesi turistici”. Certo è che se un turista avesse avuto bisogno di uno sportello bancomat per il prelievo, di una tabaccheria o di una farmacia,  servizi quindi di necessità e tutt’altro che secondari, si sarebbe trovato in serio disagio. E chissà che non sia successo. Un biglietto da visita non eccellente, che se unito al passaparola dei disservizi trovati sul Conero vanificherebbe le tante e belle iniziative pubblicitarie dirette a presentare la zona come una comoda e unica meta di vacanza.