Astea notizie
Marchio-Rebel-Sound-Italy

Rete antiviolenza di ambito, seminario a Osimo

OSIMO – Si lavora a una rete antiviolenza e si lavora in comune con altre amministrazioni comunali dell’ambito. Questa mattina importante riunione tra i soggetto interessati, per fare il punto e parlare della realizzazione ottimale di un servizio che sembra sempre più urgente mettere in funzione. La comunicazione di quanto fatto arriva direttamente dal canale social del primo cittadino di Osimo, ente capofila, Simone Pugnaloni. Ecco quanto il sindaco comunica a questo 
proposito
“Al via la creazione di una rete antiviolenza su tutti i comuni che fanno parte dell’Ambito Territoriale Sociale n. 13, di cui il Comune di Osimo è l’ente capofila, con il patrocinio e la consulenza dell'Ufficio della Consigliera di Parità per la provincia di Ancona, Pina Ferraro.
Di questo si parlato questa mattina in un seminario formativo di grande interesse che ha visto la partecipazione di tutti i soggetti istituzionali coinvolti nel difficile percorso di contrasto alla violenza di genere. Presenti all’incontro i rappresentanti delle Forze dell’Ordine e la consigliera di Parità Pina Ferraro.
Un ringraziamento particolare, per la sua preziosa e qualificata testimonianza, a Valentina Bavai, Sostituto Procuratore presso la Procura della Repubblica di Ancona.
Nel porgere il mio saluto istituzionale a tutti i presenti, ho sottolineato con orgoglio l'impegno dell'amministrazione comunale di Osimo nel contrasto alla violenza di genere e le numerose iniziative culturali messe in campo, tutte con l'obiettivo di sensibilizzare la popolazione su un tema assai delicato, spesso nascosto, difficile da far emergere, e che merita una particolare attenzione da parte dell'opinione pubblica.
‘La creazione di una rete antiviolenza è un modello vincente - ha dichiarato la Bavai nel suo intervento - di fondamentale importanza è la formazione di tutti i soggetti coinvolti al fine di agire tempestivamente nelle indagini’.
‘Uscire dalla violenza è un percorso complesso - ha detto Pina Ferraro - per questo serve una rete strutturata con specifiche competenze in grado di comunicare tra loro’”.