Astea notizie
i-benefici-del-sale-Logo
Marchio-Rebel-Sound-Italy

Osimo, imprenditori della moda in difesa del “Made In”

OSIMO - Imprenditori della moda in prima linea per la difesa del Made in Italy. Questo un importante tema che è emerso dal direttivo Confartigianato della categoria riunitosi ad Osimo alla presenza del Presidente Graziano Sabbatini e di David Coppari, Luca Corinaldesi, Primo Manieri, Simonetta Onorati, Raffaella Rossini, Flaviano Silviani, Claudio Tranquilli, Paola Zenobi. Presenti anche Andrea Rossi responsabile Confartigianato della categoria e Maila Cascia responsabile area lavoro. Un incontro che ha inteso porre le basi del programma di attività che il direttivo si propone di realizzare e ha individuato le azioni sindacali da attuare nell’interesse del comparto. Sono tante infatti le difficoltà vissute dalle imprese: eccessiva burocrazia, poco credito, alto costo del lavoro.
Tra le varie esigenze emerse, gli imprenditori chiedono garanzie per la reale tutela del full “Made in Italy”, tema che intendono affrontare in maniera determinata, e a breve la Confartigianato nazionale organizzerà un incontro per tracciare le strategie d’azione future mirate a questo obiettivo.
La Confartigianato è da sempre in prima linea per la promozione del “Made in” nella lotta contro
l’industria del “falso”. Scarpe, vestiti, accessori: la moda è il settore più a rischio.
Secondo una elaborazione dell’Ufficio Studi Confartigianato 4.792 imprese dell’artigianato manifatturiero marchigiano sono esposte al rischio di contraffazione, pari al 35% su un totale di 13.691. Una quota nettamente superiore alla media italiana (19,8%) che colloca la nostra regione al secondo posto in Italia dopo la Toscana (42,9%) e prima dell’Umbria (25,5%).

Ufficio Stampa
Confartigianato
OSIMO - Imprenditori della moda in prima linea per la difesa del Made in Italy. Questo un importante tema che è emerso dal direttivo Confartigianato della categoria riunitosi ad Osimo alla presenza del Presidente Graziano Sabbatini e di David Coppari, Luca Corinaldesi, Primo Manieri, Simonetta Onorati, Raffaella Rossini, Flaviano Silviani, Claudio Tranquilli, Paola Zenobi. Presenti anche Andrea Rossi responsabile Confartigianato della categoria e Maila Cascia responsabile area lavoro. Un incontro che ha inteso porre le basi del programma di attività che il direttivo si propone di realizzare e ha individuato le azioni sindacali da attuare nell’interesse del comparto. Sono tante infatti le difficoltà vissute dalle imprese: eccessiva burocrazia, poco credito, alto costo del lavoro.
Tra le varie esigenze emerse, gli imprenditori chiedono garanzie per la reale tutela del full “Made in Italy”, tema che intendono affrontare in maniera determinata, e a breve la Confartigianato nazionale organizzerà un incontro per tracciare le strategie d’azione future mirate a questo obiettivo.
La Confartigianato è da sempre in prima linea per la promozione del “Made in” nella lotta contro
l’industria del “falso”. Scarpe, vestiti, accessori: la moda è il settore più a rischio.
Secondo una elaborazione dell’Ufficio Studi Confartigianato 4.792 imprese dell’artigianato manifatturiero marchigiano sono esposte al rischio di contraffazione, pari al 35% su un totale di 13.691. Una quota nettamente superiore alla media italiana (19,8%) che colloca la nostra regione al secondo posto in Italia dopo la Toscana (42,9%) e prima dell’Umbria (25,5%).

Ufficio Stampa
Confartigianato