Acquambiente marche
Marchio-Rebel-Sound-Italy

Piccioni "stecchiti" in centro a Osimo. Morte accidentale o "serial killer"?

OSIMO – Nell’ultima settimana se ne sono trovati molti, troppi piccioni morti nelle strade cittadine di Osimo. Specie nel centro storico la moria dei volatili è evidente e richiama alla possibilità che non siano deceduti di morte naturale. Naturalmente stiamo solo riportando delle voci, chiacchiere da bar, che si fanno così a Osimo come in tanti altri centri cittadini. Ma il fatto è questo: già una decina di giorni fa i così caratteristici, ma anche assai fastidiosi per alcuni, piccioni sono stati trovati anche a gruppetti di due o tre per le vie del centro osimano. A fare insospettire ancor di più che non si trattasse di una naturale chiusura della vita biologica, il fatto che l’animale fosse gonfio e anche se agonizzante impossibilitato a muoversi, quasi a testimoniare un prematuro decesso per avvelenamento. Ora, si sa che il centro della città sia stato e sia tuttora invaso dai piccioni, si sa anche che 

Nell’ultima settimana se ne sono trovati molti, troppi piccioni morti nelle strade cittadine di Osimo. Specie nel centro storico la moria dei volatili è evidente e richiama alla possibilità che non siano deceduti di morte naturale. Naturalmente stiamo solo riportando delle voci, chiacchiere da bar, che si fanno così a Osimo come in tanti altri centri cittadini. Ma il fatto è questo: già una decina di giorni fa i così caratteristici, ma anche assai fastidiosi per alcuni, piccioni sono stati trovati anche a gruppetti di due o tre per le vie del centro osimano. A fare insospettire ancor di più che non si trattasse di una naturale chiusura della vita biologica, il fatto che l’animale fosse gonfio e anche se agonizzante impossibilitato a muoversi, quasi a testimoniare un prematuro decesso per avvelenamento. Ora, si sa che il centro della città sia stato e sia tuttora invaso dai piccioni, si sa anche che questi animali, ignoranti dell’esistenza di pubblici bagni, si lascino andare nei propri bisogni fisiologici là dove capita, sporcando certo e non curandosi di questo. La polemica tra cittadini e chi è incaricato di pulire le strade non è nuova, ma anzi si rinnova a cadenze regolari. Tra le ipotesi che si sono affacciate per spiegare l’incomprensibile moria dei volatili, ovvero sempre le solite chiacchiere da bar, ve ne sono un paio che hanno suscitato maggiore successo tra gli interlocutori e che sembrano essere più vicini alla realtà di altre. La prima fa risalire la responsabilità alla derattizzazione che sarebbe stata effettuata di recente all’ultimo piano di un antico Palazzo osimano, infestato appunto da topi. I piccioni avrebbero potuto rimanere vittime delle trappole e soprattutto delle esche velenose. L’altra ipotesi, che molti si augurano non sia vera, è che per Osimo si aggiri un “serial killer” dei piccioni che sparga il veleno appositamente per annientarli.