Acquambiente marche
Marchio-Rebel-Sound-Italy

Annalisa Pagliarecci "Disegnare la Osimo futura", priorità per la Variante al Prg per razionalizzare le scelte

OSIMO – Delega nuova per l’assessore Annalisa Pagliarecci confermata nella giunta del secondo mandato Simone Pugnaloni con incarico all’urbanistica prima di competenza del sindaco.
La Pagliarecci con nuove deleghe all’Urbanistica ed al Patrimonio, passa così ad occuparsi di un settore tecnico della città, quello sul quale si innesterà il disegno di Osimo nei prossimi cinque anni.
Tra i punti in elenco, le
priorità dell’assessore la digitalizzazione dell’archivio urbanistico edilizio osimano,il sevizio sarà affidato ad una ditta specializzata esterna. Altro punto sul quale 
si sta già lavorando, come confermato con l'ultima delibera di consiglio comunale è l’abbattimento degli oneri di urbanizzazione. L' abbattimento, che arriverà in tarda primavera dopo un' adeguata consultazione con professionisti ed imprenditori locali, ha lo scopo di valorizzare chi rigenera e non consuma nuovo suolo.
Una migliore razionalizzazione degli Spazi comunali, dando ai tecnici un adeguato luogo per l'accesso agli atti.
In questo ambito rientra anche l’arrivo a breve di un nuovo dirigente delegato proprio all’urbanistica “Una figura indispensabile – commenta la Pagliarecci – specie in un momento in cui bisogna mettere mano seriamente alla nuova Variante Generale del Prg” con lo scopo di chiudere il contenzioso aperto dal ricorso della Provincia di oramai dieci anni fa. La Variante, che sarà uno delle priorità del nuovo responsabile, servirà per pianificare la Osimo del futuro, spiega l'assessore Pagliarecci il Prg così modificato servirà per inserirci tutto quello che riguarda la nostra città come ad esempio il piano delle antenne ed anche disegnare il tracciato della variante a nord.
Un aspetto sul quale la nuova delegata all’urbanistica ha insistito è la volontà di procedere nelle scelte future sempre in accordo e confrontandosi con le parti interessate. Una collaborazione che andrà a ricevere spunti e input, ma anche ad elaborare percorsi che trovino la maggiore aderenza possibile con la città.