Astea Energia dona un ecografo ad ultrasuoni all’Ospedale di Torrette

Un apparecchio di ultimissima generazione necessario per esami ai pazienti Covid-19

ANCONA - Astea Energia ha donato all’Ospedale Regionale Torrette di Ancona un Ecografo ad ultrasuoni per consentire 

esami più rapidi ed efficaci ai pazienti positivi al Covid-19.  Il macchinario è utile alla Clinica di Anestesia e Rianimazione Generale Respiratoria e del Trauma Maggiore guidata dal primario Prof. Abele Donati che ha indicato le necessità per il reparto. Questo EcoCardio di ultima generazione andrà a completare le apparecchiature oggi a disposizione del reparto di terapia intensiva del nosocomio anconetano. 

“La nostra è un’azienda che ha una dimensione territoriale spiccata – dice Federico Riccardi, consigliere di Astea Energia – ed in un momento come questo non possiamo restare insensibili a quanto ci sta accadendo. Siamo abituati ad essere concreti e oggi l’emergenza COVID-19 interroga tutti con una domanda di coinvolgimento reale. Stiamo facendo la nostra parte e sono certo che tante altre realtà del territorio stiano facendo la medesima cosa. Ne usciremo più forti e più uniti”.

L’Ecografo in questione è dotato di un sistema a ultrasuoni touchscreen TE7 che è concepito per fornire un imaging di elevatissima qualità consentendo decisioni rapide ed efficaci da parte dello staff medico. Comandi intuitivi ed esami efficienti e focalizzati laddove è necessario ridurre al minimo la curva di apprendimento dell'utente, senza la necessità di dover utilizzare una tastiera con un numero eccessivo di controlli. La risposta tattile inimitabile, i preset predefiniti e l'ottimizzazione delle immagini con un solo tocco migliorano la sicurezza e l'efficienza diagnostica. La possibilità di estrazione e trasporto insieme al cavo di alimentazione retrattile e alla batteria incorporata, rendono il sistema TE7 sempre pronto per l'uso dove necessario.

“Vorrei ringraziare a nome dell’azienda il Primario Prof. Abele Donati che è stato determinante per individuare necessità dell’Ospedale e la giusta attrezzatura occorrente. Come Azienda abbiamo affrontato questa emergenza, che ci ha colpito tutti, con grande tempestività e senso di responsabilità – conclude Federico Riccardi – sia sul fronte dell'organizzazione aziendale che su quello del servizio ai clienti, per i quali abbiamo predisposto la possibilità di rateizzare gratuitamente le bollette e potenziato i canali di accesso telefonico ed online per interloquire con gli uffici in modo da garantire sempre il massimo del servizio”.