Astea notizie
Marchio-Rebel-Sound-Italy

Bilancio di previsione 2020-2022, si discuterà in una Sala Gialla virtuale?

OSIMO – L’attività amministrativa del Comune non può e non deve fermarsi. Le scadenze vanno onorate, quella del bilancio di previsione 2020-2022  in 

primis. La difficoltà di esaminare il documento e di avviare una discussione, così come in tempi di normalità in consiglio comunale, è evidente. Ma il primo cittadino di Osimo Simone Pugnaloni sta già pensando a forme alternative di discussione, per esempio l’utilizzo  della videoconferenza che metta in collegamento tutti i consiglieri, una Sala Gialla virtuale resa disponibile grazie alla tecnologia, ma non si escludono altre ipotesi logistiche, sempre nel rispetto delle buone pratiche.

Di certo la discussione del bilancio andrà tra una ventina di giorni, come scrive lo stesso sindaco. A oggi la documentazione è stata consegnata ai consiglieri perché la esaminino, e anche i revisori dei conti questo pomeriggio hanno dato il loro parere positivo. Intanto Pugnaloni già ha reso pubbliche alcuni dettagli e alcune riflessioni.

“Prime valutazioni – ha scritto - 1) Costo del debito -25% dal 2018 ad oggi considerato che nell'anno corrente sono previsti nuovi mutui per investimenti importi in viabilità ed infrastrutture culturali, educative ed ambientali.

2) Disponibilità liquide in cassa aumentate del 12% dal 2017 ad oggi, i fidi bancari non utilizzati

3) Diversamente da tanti altri enti locali dal 2015 ad oggi non abbiamo mai dovuto accantonare risorse per disavanzo tecnico perche la giunta decide di coprirlo tutto subito invece che in 30 anni, ciò ha significato un sacrificio importante di un anno per avere più risorse negli anni successivi.

Piccole e brevi riflessioni per incominciare a parlare di bilancio, non possiamo e non dobbiamo bloccare la Pubblica amministrazione.
Il lavoro agile è l'unico antidoto anti Covid-19, noi ci siamo, partiti! Grazie a tutti i dipendenti comunali per la speciale e preziosa collaborazione che con pazienza sta portando ottimi frutti, grazie davvero!”.