Popup Studio porta l’arte urbana e sociale a Parma

Vincitore del Bando “Imprese Creative Driven PopUp Studio di Osimo ha ideato il progetto “Lincotek Social Art”

OSIMO - PopUp Studio è un’impresa creativa che progetta interventi di arte contemporanea urbana, ben conosciuta nelle Marche dove ha realizzato oltre cinquanta opere che ridefiniscono l'identità di luoghi non convenzionali - come stazioni ferroviarie, porti, aeroporti, ecc. - con il coinvolgimento di artisti internazionali.

Adesso PopUp Studio porta la sua capacità creativa in Emilia-Romagna e si affianca al colosso Lincotek – ex Turbocoating - 1.100 dipendenti distribuiti su 16 stabilimenti produttivi tra Europa, 

Nord America e Asia, tra i più affidabili contract manufacter al mondo nei settori industrial gas turbine, aviazione, medicale ed additive.

Il progetto ideato da PopUp Studio si chiama “Lincotek Social Art” e prevede un intervento artistico pittorico site-specific di grandi dimensioni sulle facciate dello stabilimento Lincotek di Rubbiano di Solignano (Parma), quartier generale dell’azienda, con il coinvolgimento di un affermato artista di urban art, selezionato in collaborazione con i dipendenti dell'azienda che diventeranno essi stessi protagonisti nella realizzazione fisica dell'opera.Il progetto nasce nell’ambito delle iniziative programmate per la nomina di Parma Capitale della Cultura Italiana 2020+21.

Fra queste anche il bando “Imprese Creative Driven”, promosso da Comune di Parma, Comitato per Parma 2020, con il sostegno di UPI Unione Parmense Industriali, per portare la creatività e la cultura nelle imprese e promuovere una relazione di interdipendenza tra il settore imprenditoriale e culturale. Bando al quale PopUp Studio ha partecipato e vinto insieme ad altri 8 concorrenti su 50 partecipanti.

“Con Lincotek – ha spiegato Monica Caputo, direttore artistico di PopUp Studio - abbiamo ideato il progetto Lincotek Social Art, per rispondere alla necessità dell’azienda di “celebrare” e comunicare al territorio la sua solidità industriale nel momento di rebranding del Gruppo avvenuto a inizio anno. Ma non solo. Il progetto sarà anche uno strumento di aggregazione della comunità locale intorno all’azienda e di fidelizzazione dei suoi dipendenti”.

Ufficio Stampa PopUp Studio