caffe del corso
auser2022
pasticceria ridolfi
numana
parco regioanle conero2

Diventare volontario (o sostenitore) Auser, una buona occasione di solidarietà

Aperta la campagna tesseramento dell'associazione punto di riferimento per la città

OSIMO – Torna la campagna tesseramento con Auser Osimo e con essa la possibilità di dedicarsi alla comunità e rendersi utili alla collettività oppure semplicemente sostenere una realtà di volontariato ormai radicata sul territorio.
Auser esiste a Osimo dal 2010, oggi guidata dal presidente Carlo Sorpino e con l’aiuto del coordinatore Mauro Gramuglia.

 

Nel corso di questi anni ha promosso diverse attività tutte dirette ad andare incontro e cercare di risolvere i bisogni o sostenere iniziative didattiche e sociali.
I servizi che offre sono sia alla persone sia in convenzione con il Comune.

Tra i tanti ricordiamo la presenza dei nonni vigile all’entrata e uscita dalle scuole per permettere un normale e sicuro ingresso-uscita dai plessi scolastici dei bambini e ragazzi.
Importante e fondmentale anche la presenza di volontarie nelle mense delle scuole, qui il compito è aiutare i bambini nel momento del pasto e vigilare che tutto si svolga nel migliore dei modi.

Auser è anche servizio alla persona con le molteplici prestazioni che offre, accompagno di persone sole o anziane alle visite mediche, spesa a domicilio per chi non può muoversi, ritiro e consegna di medicine a chi ne fa richiesta perché impossibilitato a rifornirsene.

La presenza poi all’interno delle scuole con attività didattiche che vanno dall’orto didattico, una piacevole tradizione della scuola Leopardi di Borgo, a corsi diretti alla promozione dell’integrazione e della socialità, per esempio la scuola delle mamme, iniziativa assai seguita.

Questi solo alcuni esempi, ma Auser è anche un riferimento per la città.

Nelle manifestazioni, nelle giornate di open day tamponi e di mercato la presenza di volontari è richiesta dall’amministrazione comunale, come supporto efficiente al normale svolgimento delle attività.

Da ultimo va segnalato, ma non perché meno importante, il grosso sforzo che Auser nazionale e Auser Osimo hanno compiuto durante il periodo pandemico, in special modo durante i mesi di lockdown e zona rossa.

Un riconoscimento per l’impegno totale in quei mesi così difficili è stato conferito in Senato al presidente nazionale Auser Enzo Costa.

Perché dunque diventare volontario o sostenitore?

Per non lasciare che tutto quanto costruito dalla sezione di Osimo finora possa andare perduto, impoverendo la città di una risorsa preziosa.
Perché è bello e gratificante donare un poco del proprio tempo a chi ha bisogno, fa bene allo spirito di chi lo fa e aiuta chi riceve.

E se proprio non si ha la possibilità di impegnarsi in prima persona basta fare la tessera e sostenere con un piccolissimo contributo annuale le attività e i servizi, consentire che questi possano continuare all’insegna della solidarietà col prossimo.

Al momento i soci Auser sono 160 dei quali una cinquantina impegnati sul campo, un numero che tende ad aumentare, la generosità ripaga e gratifica.

 

In foto il presidente Auser Osimo Carlo Sorpino