Astea notizie
Marchio-Rebel-Sound-Italy

Verde, parcheggi e viabilità nel nuovo Piano Regolatore di Numana

Il comune questa sera dà il via all'adozione dell'importante strumento urbanistico

NUMANA – Al vaglio del consiglio comunale di Numana questa sera alle 18, o in seconda convocazione domani stessa ora, l’adozione della variante generale del Prg, piano regolatore generale. Lo strumento di fondamentale importanza che detterà nei prossimi anni le linee guida per l’edificazione e la realizzazione di spazi indispensabili alla vivibilità del Comune.

 

NUMANA – Al vaglio del consiglio comunale di Numana questa sera alle 18, o in seconda convocazione domani stessa ora, l’adozione della variante generale del Prg, piano regolatore generale. Lo strumento di fondamentale importanza che detterà nei prossimi anni le linee guida per l’edificazione e la realizzazione di spazi indispensabili alla vivibilità del Comune. Un  lavoro durato tre anni, ma che alla fine ha soddisfatto il primo cittadino e la squadra che ha impegnato tempo e fatica per arrivare a presentare un Piano non solo fruibile, ma anche in perfetta linea con le direttive sia del Parco  sia di Valutazione Ambientale Strategica, sia con quanto previsto dalla Regione Marche con la normativa del 2011. “Siamo stati un po’ lungimiranti – dice il sindaco Marzio Carletti – perché quando già eravamo a metà della realizzazione del Piano Regolatore è arrivata la legge regionale 22 e noi abbiamo potuto constatare di essere a pieno nelle linee guida che prevedeva.  Ma abbiamo anche rispettato quanto previsto dal Parco” I principi seguiti nella redazione dello strumento urbanistico sono stati chiari fin dall’inizio alla squadra di esperti e amministratori: andare in controtendenza rispetto a quanto fatto finora in termini di edificazione, per invece andare a creare standard  urbani indispensabili come verde, parcheggi, viabilità. Le cifre dicono che dei 45000 metri cubi interessati al Prg, ossia il 2% dell’intero territorio comunale, 25000 saranno destinati ad attività produttive di pubblica utilità, intendendo sia il settore turistico che quello agricolo. Un’altra fetta andrà a colmare le richieste di parcheggi e verde pubblico, nonché la revisione della viabilità sia nell’ottica della stagione turistica che in quella della spendibilità per i residenti. Un’altra importante fetta riguarda poi  l’edilizia residenziale, la possibilità per i privati di effettuare piccoli interventi di ampliamento e 4500 metri cubi saranno destinati all’edilizia convenzionata. Per quest’ultimo settore uno dei limiti imposti prevede che il prezzo al metro quadro non debba superare il costo di 2000 euro al metro quadro. Numana è il primo fra i Comuni del Conero a presentare a mandare in adozione un PRG con la nuova regolamentazione di settore “ questo significa – conclude Carletti – che le amministrazioni che vogliano dotarsi di un nuovo PRG dopo di noi, dovranno attenersi a quanto espresso dal Parco, dalla Regione e anche dal Comune di Numana”.