tesseramento
Acquambiente marche
Marchio-Rebel-Sound-Italy

Cna sulle elezioni comunali Castelfidardo “E’ il momento del coraggio”

L’associazione presenta la piattaforma di richieste ai candidati sindaci: via alla sperimentazione dell’isola pedonale e una Unione dei Comuni di zona.

CASTELFIDARDO – La CNA di Zona Sud di Ancona ha elaborato la piattaforma programmatica per le elezioni amministrative fidardensi del 3 e 4 ottobre 2021.
Nel documento che la nostra associazione elaborò 5 anni fa per le elezioni amministrative fidardensi del 2016 vi erano annotati alcuni punti salienti. Il bilancio che possiamo fare dopo 5 anni di distanza è fatto di luci ed ombre. 

Certamente ci sono stati alcuni passi in avanti, in particolare l’avvio del percorso della “Fisarmonica patrimonio Unesco”, un progetto che a prescindere da chi vincerà le elezioni, dovrà essere portato avanti per il raggiungimento dell’obbiettivo. Ombre invece sul fronte della manutenzione ordinaria dove si poteva sicuramente fare di più. 

Nella nuova piattaforma sindacale elaborata per queste elezioni ci sono due punti, tra i tanti, che vogliono spingere verso le scelte coraggiose ma necessarie.

Il centro storico oggi è, in tutti i comuni, il nuovo fronte dello sviluppo. Tutte le amministrazioni comunali stanno cercando di mettere in campo politiche per rivitalizzare i centri storici e farne, ancora una volta, il punto di aggregazione sociale della comunità. Pensiamo che anche a Castelfidardo sia giunto il momento, dopo il pesante impatto della pandemia e gli strascichi che inevitabilmente lascerà, del coraggio e di partire con la sperimentazione di una pedonalizzazione. La nostra proposta è quella di pedonalizzare Piazza della Repubblica e Corso Mazzini nei week end dalle ore 17.30 fino a tarda sera. Una strategia che dovrebbe essere messa in campo con un accordo con gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande del centro che potrebbero ampliare i loro spazi esterni di somministrazione nella piazza, costruendo così un “Centro storico da movida”. Un progetto che deve assolutamente trovare un accordo tra i protagonisti: comune, attività economiche, residenti.

Altro punto fondamentale è la questione delle unioni comunali. La nostra proposta di creare una sinergia tra i comuni principali di zona era stata già formulata nel precedente documento CNA del 2016, senza intenti polemici abbiamo deciso di riprendere la stessa proposta senza nulla aggiungere o togliere:

  1. un tavolo di concertazione per la nascita di una unione dei comuni che veda al centro le 3 principali realtà produttive – amministrative – economiche della Val Musone: Osimo, Castelfidardo e Loreto;
  2. la condivisione dei progetti di cultura (costituzione di una Fondazione della fisarmonica), sport e turismo (biglietto unico);
  3. polizia municipale unica, con l’organizzazione del servizio programmato su tutto il territorio della nuova unione;
  4. catasto, ufficio per la progettazione europea, l’ufficio tecnico e altri servizi messi in condivisione con le varie entità amministrative;
  5. Un piano unico per il dissesto idrogeologico.

Le rivendicazioni CNA saranno sottoposte ai candidati a sindaco in una serie di incontri singoli in modalità videoconferenza programmati con la presidenza dell’associazione. Il primo appuntamento è fissato per lunedì 13 settembre dove alle ore 18.00 interverrà Marco Tiranti (Centro – Sinistra), mentre alle ore 19.00 sarà il turno della dott.ssa Gabriella Turchetti (Centro – Destra). Martedì 14 settembre alle ore 19.00 sarà presente il sindaco uscente Roberto Ascani (M5S) e mercoledì 15 alle ore 19.00 concluderà il tour di incontri l’architetto Tommaso Moreschi (lista civica Solidarietà Popolare). Tutti gli associati CNA potranno partecipare agli incontri.

 “Con la pandemia molte cose sono cambiate, occorre che anche la politica prenda atto di questi cambiamenti: occorre accelerare sullo sviluppo di alcuni settori come il turismo e l’intrattenimento, da qui nasce la nostra richiesta di rendere più vivibile il centro storico – ha commentato Andrea Cecconi, presidente della CNA di Zona sud – Il nostro documento programmatico vuole segnalare la necessità di affrontare le difficili scelte che non possono più attendere.

Sono anni che cerchiamo di convincere i comuni di zona a “fare massa critica”, per cercare di creare sinergie e risparmi in termini economici, per ottenere un potenziamento delle attrazioni turistiche (biglietto unico) e peso politico nei confronti degli attori che governano la provincia e la regione – commenta Andrea Cantori, segretario della CNA di Zona Sud – In questa zona i tre comuni di Loreto, Castelfidardo e Osimo potrebbero avere un peso specifico secondo solo al capoluogo se riuscissero a marciare compatti verso gli obbiettivi condivisi che ritengono fondamentali per lo sviluppo della Valmusone”.