galluzzi
Acquambiente marche
galluzzi

Parterre tricolore per il 29° Trofeo Rigoberto Lamonica

OSIMO - Il Trofeo Rigoberto Lamonica, classica nazionale per Elite e Under 23, domenica 18 settembre, in occasione della festa patronale di San Giuseppe da Copertino, celebrerà la sua 29° edizione. Si tratta di una delle corse ciclistiche più prestigiose delle Marche a cui partecipano i più forti atleti. Attualmente sono oltre 180 gli iscritti per la gara che va a chiudere la stagione. Tra questi il campione italiano elite Davide Orrico che con i colori della Colpack ha trionfato lo scorso giugno a Comonte Seriate. Lo squadrone bergamasco di Antonio Bevilacqua è tra i più assidui frequentatori del Lamonica, così come il Team Palazzago Amaru del ds Salvatore Commesso ed il Futura Team di Franco Chioccioli, che ha vinto l’ultima edizione con Pierparolo Ficara. Tutte le società più forti della categoria (Gaiaplast Bibanese, Aran cucine, Norda-Mg K Vis, Acqua & Sapone-Mocaiana, Banca Popolare dell’Emilia Romagna, General Bottoli, Lefe Team San Marino, Sestese Etruria Amore & Vita, Pistoiese, Pregnana, Fracor e Vejus-TMF) da tempo si sono iscritte alla corsa che viene magistralmente organizzata dal Club Ciclistico Campocavallo. Quella del 2016 sarà un’edizione internazionale con la presenza della nazionale russa e della formazione inglese della Zappi’s Pro Cycling. La ciclistica Porto Sant’Elpidio, i Calzaturieri Montegranaro-Marini Silvano e La Cingolani Senigallia saranno le tre compagini marchigiane al via.
La partenza ufficiale, in attesa della nuova sede della Lega del Filo d’Oro di via Linguetta, in fase di ultimazione, sarà anche quest’anno alle 14:00 nella sede storica di Santo Stefano. Il percorso è fortemente selettivo specie quando si risale ad Osimo per affrontare il rettilineo di via 5 Torri. Dopo un primo ritorno ad Osimo, i corridori dovranno effettuare sei giri di un classico circuito, di km. 13, sempre con la salita da Campocavallo ad Osimo nella seconda parte.
Il premio all’atleta più combattivo sarà intitolato alla memoria di Paolo Piazzini, la grande firma del ciclismo italiano scomparso nel 2013 che tanto si è impegnato per la valorizzazione ed organizzazione del Trofeo Lamonica.
Quella di quest’anno - hanno ricordato in conferenza stampa il sindaco di Osimo Simone Pugnaloni e l’assessore allo sport Alex Andreoli - sarà un’edizione importante perchè anticipa due prestigiosi anniversari che ricorreranno nel 2017: il 50esimo del Club Ciclistico Campocavallo ed il 30esimo del Trofeo Lamonica. A tal proposito l’amministrazione comunale ha lanciato l’idea di istituire un apposito comitato di cui saranno partner principali la Lega del Filo d’Oro e la Regione Marche.
Soddisfatti per il lavoro fatto finora e per l’elevata qualità tecnica delle squadre al via gli organizzatori del Club Ciclistico Campocavallo, in particolare il presidente Giorgio Antonelli ed il vice Piero Agostinelli, che hanno ringraziato l’amministrazione osimana per il sostegno e tutte le aziende del territorio che non hanno fatto mancare il loro contributo. Fondamentale come sempre sarà l’impegno di tutti i componenti della società e dei volontari che partecipano con entusiasmo a quella che, come l’esperienza insegna, sarà certamente una grande festa sportiva e di popolo.
OSIMO - Il Trofeo Rigoberto Lamonica, classica nazionale per Elite e Under 23, domenica 18 settembre, in occasione della festa patronale di San Giuseppe da Copertino, celebrerà la sua 29° edizione. Si tratta di una delle corse ciclistiche più prestigiose delle Marche a cui partecipano i più forti atleti. Attualmente sono oltre 180 gli iscritti per la gara che va a chiudere la stagione. Tra questi il campione italiano elite Davide Orrico che con i colori della Colpack ha trionfato lo scorso giugno a Comonte Seriate. Lo squadrone bergamasco di Antonio Bevilacqua è tra i più assidui frequentatori del Lamonica, così come il Team Palazzago Amaru del ds Salvatore Commesso ed il Futura Team di Franco Chioccioli, che ha vinto l’ultima edizione con Pierparolo Ficara. Tutte le società più forti della categoria (Gaiaplast Bibanese, Aran cucine, Norda-Mg K Vis, Acqua & Sapone-Mocaiana, Banca Popolare dell’Emilia Romagna, General Bottoli, Lefe Team San Marino, Sestese Etruria Amore & Vita, Pistoiese, Pregnana, Fracor e Vejus-TMF) da tempo si sono iscritte alla corsa che viene magistralmente organizzata dal Club Ciclistico Campocavallo. Quella del 2016 sarà un’edizione internazionale con la presenza della nazionale russa e della formazione inglese della Zappi’s Pro Cycling. La ciclistica Porto Sant’Elpidio, i Calzaturieri Montegranaro-Marini Silvano e La Cingolani Senigallia saranno le tre compagini marchigiane al via.
La partenza ufficiale, in attesa della nuova sede della Lega del Filo d’Oro di via Linguetta, in fase di ultimazione, sarà anche quest’anno alle 14:00 nella sede storica di Santo Stefano. Il percorso è fortemente selettivo specie quando si risale ad Osimo per affrontare il rettilineo di via 5 Torri. Dopo un primo ritorno ad Osimo, i corridori dovranno effettuare sei giri di un classico circuito, di km. 13, sempre con la salita da Campocavallo ad Osimo nella seconda parte.
Il premio all’atleta più combattivo sarà intitolato alla memoria di Paolo Piazzini, la grande firma del ciclismo italiano scomparso nel 2013 che tanto si è impegnato per la valorizzazione ed organizzazione del Trofeo Lamonica.
Quella di quest’anno - hanno ricordato in conferenza stampa il sindaco di Osimo Simone Pugnaloni e l’assessore allo sport Alex Andreoli - sarà un’edizione importante perchè anticipa due prestigiosi anniversari che ricorreranno nel 2017: il 50esimo del Club Ciclistico Campocavallo ed il 30esimo del Trofeo Lamonica. A tal proposito l’amministrazione comunale ha lanciato l’idea di istituire un apposito comitato di cui saranno partner principali la Lega del Filo d’Oro e la Regione Marche.
Soddisfatti per il lavoro fatto finora e per l’elevata qualità tecnica delle squadre al via gli organizzatori del Club Ciclistico Campocavallo, in particolare il presidente Giorgio Antonelli ed il vice Piero Agostinelli, che hanno ringraziato l’amministrazione osimana per il sostegno e tutte le aziende del territorio che non hanno fatto mancare il loro contributo. Fondamentale come sempre sarà l’impegno di tutti i componenti della società e dei volontari che partecipano con entusiasmo a quella che, come l’esperienza insegna, sarà certamente una grande festa sportiva e di popolo.